1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

SEPARAZIONE/DIVORZIO DAVANTI ALL'UFFICIALE DI STATO CIVILE

 

Descrizione

L'articolo 12 della legge 162/2014 prevede la possibilità di concludere accordi di separazione o di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio davanti all'ufficiale dello stato civile. Tali accordi hanno la stessa efficacia della sentenza di separazione o di divorzio emessa dall'autorità giurisdizionale.

 

Destinatari

Per potere sottoscrivere l'accordo di separazione o divorzio davanti all'ufficiale dello stato civile i coniugi:
1. non devono avere figli minori ;
2. non devono avere figli maggiorenni incapaci;
3. non devono avere figli maggiorenni con handicap grave ai sensi dell'articolo 3 comma 3 della legge 5 febbraio 1992 n.104;
4. non devono avere figli maggiorenni non autosufficienti economicamente;
5. non possono inserire patti di trasferimento patrimoniale all'interno dell'accordo produttivi di effetti traslativi di diritti reali;



Per concludere l'accordo di separazione o divorzio presso il Comune di Moncalieri è necessario:

1. aver contratto matrimonio civile o religioso con effetti civili nel territorio comunale di Moncalieri, o
2. aver contratto matrimonio all'estero successivamente trascritto nei registri dello stato civile di Moncalieri, o, in alternativa;
3. avere, per almeno uno dei due coniugi, la residenza nel Comune di Moncalieri

 

Modalità

I coniugi che posseggono i requisiti sopra indicati debbono richiedere un appuntamento compilando il modulo scaricabile da questa pagina o ritirabile presso lo sportello
dell'ufficio dello Stato civile. Il modulo compilato e sottoscritto dagli interessati unitamente con una fotocopia del documento d'identità in corso di validità di ciascun coniuge può essere consegnato secondo le seguenti modalità:

- a mano presso lo sportello dell'ufficio protocollo negli orari di apertura al pubblico
- via pec protocollo@cert.comune.moncalieri.to.it

Ai richiedenti, una volta raccolta la documentazione necessaria, verrà fissato il primo appuntamento per la sottoscrizione dell'accordo. A tale appuntamento dovranno presentarsi entrambi personalmente muniti di:
documento di identità in corso di validità;
ricevuta di pagamento del diritto fisso di segreteria pari a 16€ (vedi la voce costi);
in caso di accordo di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, se vi è stata separazione giudiziale (anche poi convertita in separazione consensuale), qualora non siano trascorsi 3 anni dalla data di emissione della sentenza di separazione giudiziale o (in caso di conversione da separazione giudiziale a consensuale) del provvedimento di omologazione del verbale di separazione; è necessario produrre copia autenticata dalla cancelleria del Tribunale del verbale d'udienza presidenziale nella quale è stato emesso il provvedimento di autorizzazione dei coniugi a vivere separati. Infatti per questi casi i 3 anni necessari alle pratiche di divorzio decorrono dall'adozione di questo provvedimento.

Per dare validità all'accordo è necessario che i coniugi si ripresentino nuovamente davanti all'ufficiale dello stato civile non prima di 30 giorni dalla data del primo atto. L'ufficiale dello stato civile al momento della sottoscrizione del primo atto comunicherà la data in cui i coniugi dovranno presentarsi per la conferma. La mancata comparizione dei coniugi per questo secondo appuntamento determina l'invalidità dell'accordo.

 

Documentazione/modulistica

 
 

Costi e modalità di pagamento

Il costo è pari a 16€.

Tale diritto fisso deve essere pagato tramite versamento intestato al Tesoriere Comunale presso Unicredit Banca - filiale di Piazza Vittorio Emanuele II, 5 Moncalieri, ponendo nella causale la seguente dicitura "DIRITTI FISSI ACCORDO SEPARAZIONE / DIVORZIO"

 

Informazioni e scadenze

In aggiunta alla conclusione di accordi di separazione o divorzio è possibile richiedere la modifica delle condizioni contenute in un accordo già in precedenza concluso. Fermi restando i requisiti sopra descritti, la modifica delle condizioni non potrà avere ad oggetto questioni concernenti patti di trasferimento patrimoniale produttivi di effetti traslativi di diritti reali