1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

ASSEGNO DI MATERNITA'

 

╚ una misura di integrazione del reddito volta ad aiutare le madri che non hanno copertura previdenziale per affrontare l'evento nascita.

 
DESTINATARI

L'assegno di maternitÓ Ŕ concesso alla madre, cittadina italiana residente o cittadina straniera regolarmente soggiornante sul territorio.
Per ogni figlio nato che sia regolarmente soggiornante e residente nel territorio dello Stato. Se la richiesta dell'assegno Ŕ formulata da una cittadina in possesso della carta di soggiorno, Ŕ necessario che anche il figlio, che non sia nato in Italia o non risulti cittadino di uno Stato dell'Unione europea, sia in possesso della stessa.
Per ogni minore che faccia ingresso nella famiglia anagrafica della donna che lo riceve in affidamento preadottivo o in adozione senza affidamento.
Il beneficio pu˛ essere concesso se il minore non ha superato al momento dell'affidamento preadottivo o dell'adozione i 6 anni di etÓ.
In caso di affidamenti e adozioni internazionali, il beneficio pu˛ invece essere concesso anche per i minori che non abbiano compiuto la maggiore etÓ.
La domanda per accedere al beneficio pu˛ essere presentata dal padre che, al momento della nascita del figlio, sia residente, cittadino italiano o comunitario o in possesso di carta di soggiorno, in caso di abbandono del figlio da parte della madre o di affidamento esclusivo del figlio al padre.
Il nucleo familiare del richiedente non deve disporre di risorse economiche superiore ad una soglia ISEE stabilita annualmente dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Il requisito della situazione economica del nucleo familiare deve essere posseduto al momento della domanda.

 
REQUISITI DI CITTADINANZA
  • Cittadine italiane
  • Cittadine UE
  • Cittadini/lavoratori di Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia, e suoi famigliari (Accordi Euromediterranei)
  • Cittadine extra-UE, se in possesso di:
  • Status rifugiato/asilo politico, protezione sussidiaria, o se ne Ŕ in possesso il coniuge (art. 27, __D.Lgs.__ n. 251/2007) 
  • Carta di soggiorno (art. 9, __D.Lgs.__ n. 286/1998)
  • Carta di soggiorno per famigliari di cittadino UE (artt. 10 e 17, __D.Lgs.__ n. 30/2007)
  • Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (__D.Lgs.__ n. 3/2007)
  • Ricevuta richiesta permesso di Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo e carte di soggiorno suddette
  • Permesso unico di lavoro (Direttiva 2011/98/UE; Regolamento UE n. 883/2004; sentenza Corte di Giustizia UE C-449/16; ordinanza Tribunale di Torino, sezione lavoro, n. 2952/2019)
 
MODALITÀ

La domanda deve essere presentata presso l'Ufficio ISEE entro 6 mesi dalla nascita del bambino o dalla data di ingresso del minore in famiglia, allegando il certificato ISEE
L'importo dell'assegno viene stabilito ogni anno dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali tramite pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.
Si ricorda che l'assegno di maternitÓ Ŕ cumulabile con l'assegno per il nucleo familiare e che entrambi non costituiscono reddito ai fini fiscali e previdenziale