1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Bando di sponsorizzazione SBAM

Rivolto a banche, assicurazioni, imprese e grande distribuzione. Prorogata scadenza all'8 febbraio 2019

 

Le biblioteche dello SBAM cercano sponsor per la circolazione libraria

I 70 comuni aderenti allo SBAM, il Sistema Bibliotecario Area Metropolitana di Torino, ricercano sponsor per raccogliere fondi a sostegno della circolazione di libri e l'acquisto di e-book.
Il bando, con scadenza il 21 gennaio 2019 è stato prorocato fino all'8 febbraio 2019, è rivolto a tre macro categorie di privati: Grande Distribuzione, banche e assicurazioni, imprese e ditte commerciali. I soggetti possono aderire, anche in forma associata, proponendo un finanziamento di almeno 8.000 € (+iva).
Il Bando di Sponsorizzazione è realizzato dal Comune di Beinasco, anche per gli altri poli d'area dello SBAM (Moncalieri, Settimo, Chieri, Collegno e Chivasso), che comprende 63 biblioteche dell'area metropolitana di Torino.
I fondi raccolti tramite il Bando di Sponsorizzazione verranno utilizzati per il 70% a sostegno del servizio di circolazione libraria e per il 30% per l'acquisto di e-book, audiolibri e risorse multimediali a favore di tutte le biblioteche aderenti al sistema.

I benefici per gli sponsor

 I 3 sponsor vincitori del bando (uno per ogni macro categoria) potranno beneficiare di un importante ritorno di visibilità, oltre che della possibilità di raggiungere target nuovi e diversificati.
Il bando prevede una serie di benefit: la promozione degli sponsor con l'apposizione dei loro loghi nelle 63 biblioteche, tramite roll-up e bacheche, nel materiale informativo delle iniziative che verranno organizzate, sui furgoni utilizzati in tutta l'area metropolitana di Torino per la circolazione dei libri (circa 1000 km percorsi ogni settimana) e nei segnalibri che verranno inseriti nei libri e documenti dati in prestito.
Sarà inoltre garantita visibilità sul sito web dello SBAM (25.000 accessi al mese, 305.000 l'anno) e sui mezzi di comunicazione dei comuni aderenti.


 
 
Pagina aggiornata al 30/01/2019