1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
Contenuto della pagina

Circolare del Presidente della Giunta regionale 16 maggio 2019, n. 4/AMB

Legge regionale 4 ottobre 2018 n. 16 (misure per il riuso, la riqualificazione dell'edificato e la rigenerazione urbana)

 

Con la legge regionale 4 ottobre 2018 n. 16 (Misure per il riuso, la riqualificazione dell'edificato e la rigenerazione urbana), la Regione ha inteso promuovere e incentivare il riuso e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente e la rigenerazione di parti di cittą, con l'obiettivo di disciplinare procedure edilizie innovative e semplificate che promuovano il recupero dell'edificato e dei sottotetti e dei rustici, quale scelta prioritaria e alternativa rispetto al consumo di suolo libero.

Considerato che le Amministrazioni comunali e operatori del settore hanno chiesto chiarimenti su alcuni aspetti della legge regionale, inerenti l'applicazione delle procedure innovative rispetto alla strumentazione urbanistica comunale, alla disciplina edilizia nazionale e regionale e alle limitazioni all'applicazione degli interventi edilizi;

Tra i quali sono emersi dubbi che riguardano la validitą delle precedenti circolari del Presidente della Giunta regionale 25 gennaio 1999, n. 1/PET, riferita alla legge regionale 6 agosto 1998, n. 21 (Norme per il recupero a fini abitativi di sottotetti) e 9 settembre 2003, n. 5/PET riferita alla legge regionale 29 aprile 2003 n. 9 (Norme per il recupero funzionale dei rustici), che con la suddetta circolare vengono sostituite.

Pertanto, con la circolare 16.05.19 n. 4/AMB, si forniscono chiarimenti atti a consentire una univoca e costante applicazione della nuova disciplina, tenendo conto dei quesiti che sono stati formulati a seguito della prima applicazione della legge regionale 16/2018, con particolare riferimento ai primi 11 articoli.

REGIONE PIEMONTE BU21S2 23/05/2019

SI INVITANO GLI INTERESSATI E GLI OPERATORI AD UNA ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE SU INDICATA, FERMO RESTANDO LA DISPONIBILITA' DELL'AMMINISTRAZIONE AD ATTIVARE CONFRONTI TRA LE PARTI